Dopo la gaffe, Italia.it corregge il tiro.

italia.it.jpgA circa un anno di distanza dal post ‘Salerno: non pervenuta‘ (che vi invito a rileggere per meglio integrare i contenuti del post di oggi), dove segnalavo le clamorose mancanze e sviste da parte di Italia.it (famoso Portale Internet voluto dal Ministero del Turismo, il cui compito sarebbe quello di presentare internazionalmente ed ufficialmente, come spot promozionale, i luoghi e le meraviglie visitabili in Italia), mi sono preso la briga di andare a controllare se, a distanza di un anno, qualcosa fosse cambiato e se finalmente Salerno e soprattutto la sua provincia figurassero sul portale con una degna descrizione capace di sintetizzare quanto di attrattivo ci sia nella nostra provincia.
A distanza di un anno sono cambiate molte cose. Mentre l’anno scorso Salerno veniva inglobata (per modo di dire) nella descrizione per regioni italiane, nello specifico la Campania, senza avere neanche un rigo di descrizione (mentre i limoni della penisola sorrentina facevano il pieno di righe e diventavano l’attrattiva principale della Campania …) oggi, a Salerno e alla sua provincia è dedicato ampio spazio ed un riassunto descrittivo che in qualche modo rende finalmente giustizia ad un importante pezzo di patrimonio turistico italiano, solo un anno fa completamente dimenticato.
Questo quanto riportato oggi:

La provincia di Salerno è un insieme di singolari emozioni. È la bellezza dei suoi litorali costieri. È il fascino di una storia antica. È il profumo diitalia.it_2.jpg una natura incontaminata. Ed è per tutto questo che affascina e conquista ogni qualvolta si entra nella sua terra. Basta poco per scoprirne la magia. I monti dell’Appennino, autentici monumenti della natura, fanno da cornice ad una realtà di dolci brezze marine, di piccole baie ed insenature, di litorali incontaminati, di corsi d’acqua circondati da verdi boschi, di pittoreschi borghi, di luoghi di una storia lontana, di antiche tradizioni, delle cose fatte con amore. Non manca nulla.  E se il fascino della costa cattura lo sguardo del mondo, l’entroterra prende l’anima di chi lo esplora. Il meraviglio litorale, ricco di spiagge, scogliere e incantevoli grotte, affacciato su un mare che è una sfera infinita di colori, anticipa lo splendore del paesaggio interno. Verdi vallate attraversate dalle acque del Sarno, con i Monti Picentini e Lattari a fare la guardia, paesaggi disegnati da geometriche coltivazioni dalle quali spicca il rosso intenso dei pomodori San Marzano. Una terra accogliente, che offre ai suoi ospiti sapori e profumi, quiete e Salerno.jpgsilenzio, mentre racconta la sua storia passando tra ville, chiese e castelli, tradizioni popolari ed eventi culturali. Una natura generosa che non ha dimenticato nessun angolo del Salernitano. Quando si varcano i confini del Cilento, se ne ha la certezza.Pareti rocciose scavate da grotte e anfratti, spiagge bianche, macchia mediterranea e un mare dalle mille sfumature. Così è la Costa del Cilento, che da Acropoli si allunga fino a Sapri, passando per tanti pittoreschi borghi ricchi di storia. Allontanandosi dal mare, si entra nel cuore del Parco Nazionale, uno scrigno di tesori naturali, dove il verde si intensifica con boschi di querce, aceri, frassini e castagni che, sui monti, lasciano il posto a fitti faggeti. Un mondo di contrasti legati fra loro dall’armonia di una natura ineguagliabile. Un viaggio in questa terra rimane impresso nei ricordi del cuore, protetto da un amore che vi porterà ancora nelle terre di Salerno.” (fonte: Italia.it)

Il tutto continua con la possibilità per il navigatore di consultare le sezioni: Cosa vedere, Cosa Fare, Cosa assaggiare. Un passo in avanti per Italia.it che l’anno scorso, strutturato regionalmente, è incappato in clamorose gaffe (come il caso della città di Salerno) alle quali ha rimediato (e per fortuna) in questo modo.

Fabrizio_Raffa_Salerno.jpgPrevisioni Meteo Salerno (lunedì 12 Luglio – martedì 13 Luglio) a cura di Fabrizio Raffa:
“Estate in grande spolvero in questa seconda decade di Luglio. Sole e temperature elevate stanno disegnando un’estate tipica che molti, visto l’andamento di Giugno, ormai non credevano più che arrivasse. Attenzione però che da metà settimana potrebbe arrivare una vera e propria bomba africana che farà impennare le temperature oltre i 40 °C con conseguente aumento dell’afa e della calura percepita dal corpo umano. Ne riparleremo nel prossimo appuntamento. Il tempo previsto per le prossime 48 ore si presenterà all’insegna di temperature elevate e tanto tanto sole. Possibili annuvolamenti nel pomeriggio ma sarà scongiurato il rischio di temporali, che potranno interessare solo le zone interne.”

Salerno Smiling People
Foto: Italia.it

concordo fotografico,fotografia,salerno foto,concorso foto salerno,luci d'artista concorso,circolo fotografico colori mediterranei,salerno turismo,iniziative natale 2011,concorso nazionale di fotografia città di salerno,fotografare salerno,salerno luci d'artista

Hai un iPhone o in iPad? Da oggi puoi leggere tutte le News, le curiosità e i post del Blog di Salerno grazie all’App GRATUITA dedicata e scaricabile semplicemente cliccando qui, oppure direttamente sul Logo dell’App.

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.

 

Dopo la gaffe, Italia.it corregge il tiro.ultima modifica: 2010-07-12T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Dopo la gaffe, Italia.it corregge il tiro.

  1. :)! mi hai incuriosito e sono andata a vedere cosa dice di Pordenone: come evento caratteristico mette la frittata di san marco 😀 (che non è un evento di Pordenone, è una cosa che si fa in TUTTO il nord est l’andare a mangiare la frittata per i campi il 25 aprile)!! cavoli e pensare che ogni anno c’è PordenoneLegge, un super festival del libro che attrae decine di migliaia di persone da tutta Italia… ma forse il Ministero non lo sa…

  2. Cara Sara 🙂
    E per fortuna lo leggi adesso…. Un anno fa quel portale aveva tutta l’aria di sembrare (con tutto il rispetto) una ricerca di geografia di alunni di scuola di seconda elementare. Su Italia.it si sono spese tantissime parole ed oltre le parole, tantissimi soldi. Quando fu pubblicato per la prima volta si scatenò un putiferio (un portale che è costato quasi 60 milioni di euro…). Adesso è almeno accetabile (frittate e limoni a parte), ma ha ancora la grave pecca di essere assolutamente scarno di informazioni UTILI e soprattutto reali.
    Ti ringrazio per il commento e soprattutto per la testimonianza che riguarda Pordenone e mi raccomando… posa il libro che stai leggendo e corri a mangiare frittate per i campi 😛
    *Massimo

Lascia un commento