Marzo 1944: Le ceneri del Vesuvio cadono su Salerno.

Salerno_foto_44.pngUn esclusivissimo nonché stupendo video datato Marzo 1944 ci regala frammenti ed immagini di una Salerno che in tanti non conoscevamo. Tutto merito di Francesco Paolo Di Salvia che per puro caso, mentreTeatro_verdi_Salerno.jpg era alla ricerca di notizie sull’aeroporto di Montecorvino durante la seconda guerra mondiale, si è imbattuto ed ha condiviso su YouTube il video che possiamo ammirare poco sotto e che documenta l’impatto che ebbe sulla città di Salerno l’eruzione del Vesuvio nel 1944. Nel video possiamo ammirare il Teatro Verdi, la Chiesa dell’Annunziata, alcuni scorci del Centro Storico, aree semirurali tra Mariconda, Fuorni, etc.
Francesco, (e lo ringrazio affettuosamente) che sta ultimando la stesura di un romanzo ambientato per un terzo a Salerno (L’operazione Avalanche, Salerno capitale, vari scorci della città negli anni sessanta e settanta, il terremoto dell’80 e la visita di Berlinguer, fino alla tangentopoli salernitana), ci ha poi fornito ulteriori curiosità e notizie a riguardo, per un racconto tutto da leggere, dalla prima all’ultima parola:

Eruzione Vesuvio.jpgFrancesco Paolo Di Salvia: ‘L’eruzione con emissioni di lava comincia il 18 marzo del ’44. Le fontane laviche iniziano nel pomeriggio del 21. Sono queste ultime a produrre la cenere e i lapilli che cadranno poi su Salerno. Presumibilmente, le immagini girate dagli operatori dell’esercito americano sono databili al pomeriggio del 21 o, al più tardi, alla mattinata del 22 marzo 1944. Tanto per dare un’idea dell’evento, le colonne di lava hanno raggiunto i due chilometri d’altezza nel cielo di Napoli. E si è trattato, tutto sommato, di un’eruzione “normale”; da tifoso della Salernitana, mi viene da sorridere quando penso allo stupido coro “O Vesuvio, lavali col fuoco”; diciamo solo che Salerno non se la passerebbe tanto bene in caso di un’eruzione di portata distruttiva.
Sono cresciuto tra il Carmine e il Centro Storico ed è da una vita intera che ascolto aneddoti sui famosi “lapilli”Chiesa dell'annunziata salerno.jpg che sono caduti su Salerno durante l’ultima eruzione del Vesuvio. Ancora nel 1946, come mi raccontava mia nonna, era possibile trovare pietre laviche nelle cunette della zona tra via Pio XI e il Carmine. Fino a qualche anno fa, all’angolo tra via Vernieri e via Santa Caterina Alessandrina (prima dell’incrocio con via del Carmine), era anche possibile vedere un muretto sbrecciato e “affumicato”, che si diceva fosse stato colpito da un lapillo nel ’44. Adesso c’è un terrazzino al posto del blocco di granito. Così, quando ho trovato il filmato, ho pensato subito di condividerlo su youtube. In giro si trova soltanto qualche fotografia; ma nessun filmato degno di nota.
Sto ultimando la stesura di un romanzo che è ambientato per un terzo a Salerno (L’operazione Avalanche, Salerno capitale, vari scorci della città negli anni sessanta e settanta, il terremoto dell’80 e la visita di Berlinguer, fino alla Lapilli.pngtangentopoli salernitana) e ho trovato il filmato mentre facevo delle ricerche sull’aeroporto di Montecorvino durante la seconda guerra mondiale. Il “Montecorvino Airfield“, infatti, era uno degli obiettivi primari dell’avanzata inglese verso l’entroterra salernitano. Così, mentre cercavo rulli girati in Campania nel 1944, mi sono imbattuto nel filmato sulle ceneri del Vesuvio.
Alcune note tecniche:
Le immagini sono datate 21 marzo 1944. Titolo: “Black ash on beach and blackened roof tops of the houses after the eruption of Mount Vesuvius in Italy“. Le immagini sono “rubate” da qui:
criticalpast.com. Le ho estrapolate con un software chiamato HiDownload. Il filmato è senza diritti, essendo prodotto da un ente governativo oltre sessant’anni fa, e probabilmente il sito le ha ottenute tramite la Library of Congress o qualche istituto simile; ma diciamo che il modo con cui le ho prese non è proprio dei più “puliti”. La traccia musicale è “Modern Times” di J-Five e la parte che ho utilizzato è una campionatura da “Je cherche après Titine” cantata da Charlie Chaplin nel film “Tempi Moderni”.

Salerno Smiling People
Foto: PrtScrn on FPMdS on YT;
Video: FPMdS on YT

 

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.

 

Marzo 1944: Le ceneri del Vesuvio cadono su Salerno.ultima modifica: 2011-03-09T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Marzo 1944: Le ceneri del Vesuvio cadono su Salerno.

  1. sono filmati molto interessanti….mi piacerebbe arricchire ulteriormente la mia conoscenza sulla storia di Salerno.
    I nostri nonni e i nostri genitori hanno sempre parlato di
    questi eventi, trovarne le testimonianze è fantastico.
    Proseguite nelle vostre ricerche…renderete tutti i salernitani più orgogliosi di essere nati in questa città!

  2. Gentile Miranda,
    La ringrazio tanto per il commento e per le sue belle parole. Il merito di queste bellissime immagini è senza alcun dubbio di Francesco Paolo Di Salvia che ha voluto condividerle con la città.
    Spero in futuro di poter continuare a fornire ulteriori testimonanze di un passato della nostra città che affascina indubbiamente.
    Grazie
    *Massimo

Lascia un commento