Musei aperti a Natale e Capodanno.

musei salerno,la città di salerno,cosa visitare a salerno,mibac,mibac salerno,ministero per i beni e le attività culturali,soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di sale,musei avellino,musei in campania,apertura musei campaniaIl 25 dicembre e il 1° gennaio i cittadini e i turisti stranieri potranno visitare i molti musei e le aree archeologiche statali che rimarranno aperti in via straordinaria. In giornate tradizionalmente di riposo per la maggior partemusei salerno,la città di salerno,cosa visitare a salerno,mibac,mibac salerno,ministero per i beni e le attività culturali,soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di sale,musei avellino,musei in campania,apertura musei campania degli italiani, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali offre a tutti una possibilità di crescita culturale nell’ottica di valorizzare ed aumentare la fruizione del nostro inestimabile patrimonio artistico. Dal nord al sud del Paese, molte le proposte per trascorrere un Natale e un primo dell’anno all’insegna della cultura. Per l’occasione la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e Avellino  comunica che i Musei del territorio di Salerno e Avellino, Certosa di Padula, Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana e Carcere Borbonico di Avellino, resteranno aperti anche a Natale e Capodanno‘ (ambientesa.beniculturali.it)

qr code, codici qr, code qr, codice a barre quadrato, codici a barre quadrati, codici qrSalerno Smiling People
Foto: museovirtualescuolamedicasalernitana.beniculturali.it; comune.padula.sa.it
Video: sugatti100 on YT

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.

La guida di Salerno a cura di TravelItalia.com

Salerno.pngQuindici pagine in formato digitale di informazioni sulla città di Salerno, contenenti la Storia, i luoghi, i monumenti, le chiese e tanto altro ancora della nostra bella città. Si tratta della guida di TravelItalia.com, portale turistico nazionale che recensisce, per mezzo di guide dettagliate, le maggiori città italiane, fornendo notizie utili ed informazioni per turisti e per chi semplicemente visita le città italiane. La guida viene introdotta da dei versi dedicati alla città di Salerno per poi continuare con una descrizione di sorta fino ad arrivare ai dettagli di ogni singolo luogo da visitare: Acquedotto medievale, Chiesa di San Benedetto, Palazzo Copeta, Chiesa di San Pietro in Vinculis, etc. La guida completa è scaricabile gratuitamente al seguente link: Guida Salerno; esiste addirittura una versione ridotta della guida, rivolta a tutti colori che visitano Salerno per non più di una giornata ed è consultabile qui, mentre quanto segue è l’introduzione che possiamo leggere sulla pagina Web di TravelItalia dedicata a Salerno e che riporto fedelmente: 

 

Salerno.jpg

 

Guida Salerno
Quali sono i posti da visitare a Salerno? Qui puoi trovare una guida di Salerno e molte informazioni utili: ristoranti, hotel, attrazioni, interessanti monumenti da visitare a Salerno.

Inondata dal sole del meriggio
chiusa tra i monti e la marina
giace Salerno splendida
nel golfo lucente incantato,
accarezzato dai venti del Tirreno.
Sulla collina i resti del Castello
longobardo, geloso guardiano della villa.
Fra le pietre corrose dal tempo
ancor risuona possente
il grido dei pirati saraceni assalitori
in cerca di schiavi e di bottino,
lo scalpitar dei destrier
i pria normanni poi svevi,
il latrato dei mastini della guerra,
il furore angioino e aragonese.
Senti nel centro antico l’età di mezzo
e il fervore di vita e di studi
che animò d’Ippocrate la Scuola,
retaggio di Atene e di Roma,
faro non spento di civiltà e di scienza.
(anonimo)

Capoluogo di provincia della Campania, Salerno ha circa 140.000 abitanti e si trova sul Golfo omonimo, in una posizione incantevole, fra la riva del Tirreno e le cime dei monti. E’ infatti circondata dai Monti Lattari, dal Colle Bellario, dal Monte Bonadies e dai Monti Picentini. La particolare configurazione geografica assicura alla città e al golfo un clima marittimo mite e tipicamente mediterraneo. I monti la proteggono dai venti freddi del nord e il mare la espone a quelli caldi sudoccidentali. Unitamente alla bellezza dell’ambiente, e alla presenza di antichità e di opere d’arte, ciò favorisce una continua corrente turistica, che – a partire dal dopoguerra – rappresenta l’attività primaria di Salerno.
Travel_Italia_Salerno.jpgLa città si presenta con due volti distinti, a seconda che vi entri da terra o dal mare. Chi, scendendo dal viale della stazione, si addentra per le strette, tortuose vie che tagliano il nucleo compatto della città vecchia, corre istintivamente col pensiero ai carugi dell’antica Genova; vi ritrova la stessa impronta, la stessa, per così dire, fisionomia: dalla continuata irregolarità che ha occupato ogni appezzamento dì terreno, alle case alte e quasi combaciantisi con i cornicioni alla sommità, all’architettura delle case stesse, che ha serbato qualcosa dello stile lombardo; un qualcosa ch’è più facile a intuirsi che a descriversi, ma che la distingue assai dall’architettura spagnola e barocca, che da Napoli in poi si era generalmente diffusa nelle città del mezzogiorno. Come notava l’anonimo poeta sopra citato, nel cuore di questa vecchia Salerno si sente ancora palpitare un po’ del Medioevo; quando la città, stretta fra il mare e il monte, era ancor più compressa dalle mura alte e turrite che da ogni parte la difendevano, dalla marina fino al forte castello dei Longobardi, sorgente sulla vetta del colle, a tergo della città, ultimo propugnacolo della resistenza longobarda ai Normanni, e del quale non rimangono se non poche e desolate rovine e l’attrazione di un sorprendente panorama che di lassù, a 275 metri, si ha sulla città e su tutto il suo golfo.
Diverso è l’aspetto di Salerno, per chi arriva dal mare; la sua lunga, diritta, moderna via della marina, intitolata a Garibaldi, l’eroe liberatore, con iTravel_Italia_2.png suoi palazzi, i grandi hotel, il teatro nuovo – sontuosa costruzione della moderna Salerno – i suoi giardini, la sua animazione, dà alla città un aspetto ridente e maestoso a un tempo. È questa la maggiore delle arterie della vita cittadina: è qui, intorno al monumento a Carlo Pisacane, nelle belle serate, che affluisce a larghi fiotti il bello e il meglio della popolazione salernitana, ad ascoltar la musica e a respirare la fresca e vivificante brezza del mare.
La città – e in particolare il centro storico, attraversato dalla Via dei Mercanti – è ricca di chiese, monumenti e opere d’arte. Non mancano parchi e giardini, e inoltre è possibile fare escursioni, trekking o semplici passeggiate sulle montagne e colline circostanti, in particolare sulla montagna del Castello di Arechi, sul Monte Stella e sulle montagne di Giovi. Le zone di periferia sono invece di origine moderna e quindi non presentano particolari monumenti o chiese antiche.
Annotava il Piovene, nel suo Viaggio in Italia del 1957, che: “Salerno è diversa da Napoli, nell’apparenza e nello spirito. Qui veramente cadono molti luoghi comuni sull’Italia meridionale. L’aspetto è, infatti, quasi settentrionale, e la pulizia quasi svizzera. I discorsi sono secchi, brevi, propri di persone attive … Coloro che conoscono la vita salernitana nell’intimo mi dicono ch’essa è un miscuglio, tipico dell’Italia meridionale in questa fase di passaggio, e nei luoghi di punta, di usanze ancora patriarcali e di modernismi talvolta anche strani ed eccessivi … Osservando bene Salerno, si ha dunque l’impressione di un centro abbastanza tipico della fase di trasformazione dell’Italia meridionale. L’industrializzazione e il benessere sono in progresso, anche se le antiche passività gravino ancora fortemente”
‘ (fonte: guide.travelitalia.com)
La guida completa è scaricabile gratuitamente al seguente link: Guida Salerno

Per oggi è tutto e se proprio avete ancora voglia di leggere qualcosina, vi segnalo la cordiale chiacchierata che ho avuto con gli amici di Estrogeni nella quale racconto un po’ come, quando e perchè è nato VirgilioSalerno. Appuntamento con il post di venerdì!

Salerno Smiling People
Foto: proprietà di Giaros guide.travelitalia.com

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.

 

Una città montuosamente marina

salerno2.gifLa curiosità di conoscere e sapere cosa possano pensare gli altri della nostra bella Salerno è qualcosa che ha sempre caratterizzato questo Blog. Spesso in passato ho avuto modo di condividere con i lettori, le notizie, le curiosità, le opinioni e gli articoli di persone che hanno visitato Salerno e ne hanno voluto lasciare volontariamente traccia su forum, blog, quotidiani. L’ultimo in ordine di tempo è un post dal titolo “Viaggio a Salerno, una città montuosamente marina”, pubblicato su dituttounpo.tv raggiungibile a questo link a cura di NatoConLaValigia. Un titolo che è davvero originale, così come trovo molto scorrevole ed interessante l’intero articolo che vi consiglio di leggere fino alla fine.

Viaggio a Salerno, una città montuosamente marina
Sintesi affascinante di quanto il Mediterraneo possa offrire, da gustare con calma per apprezzarne  storia, tradizione, arte e gastronomia
Salerno, una sintesi affascinante di quanto il Mediterraneo possa offrire a tutti coloro che lo vogliono conoscere più da vicino. Una città che èdituttounpotv.jpg riuscita a proporsi ed a farsi apprezzare come una comunità accogliente per i turisti ed i visitatori di tutto il mondo.
Allora se in programma c’è qualche giorno di ferie,  basta mettere in valigia qualche maglia, occhiali da sole (anche in autunno), scarpe comode, macchina fotografica ed anche, ma solo per scaramanzia, maglione, spolverino ed ombrello e partire alla volta di Salerno, del Cilento e della costiera amalfitana.
Appena arrivati, basta poco per rendersi conto che Salerno è una città davvero speciale. Si trova in una posizione decisamente invidiabile tra due coste bellissime, stretta tra il mare e le colline tanto da essere spesso definita, una città “montuosamente marina”, una sintesi affascinante di quanto il Mediterraneo possa offrire a chi voglia dituttounpotv2.jpgconoscerlo più da vicino. Salerno e l’intera provincia è anche una terra particolare, al tempo stesso sorprendente e misteriosa, che solo negli ultimi anni è diventata turistica pur avendone tutti gli ingredienti da sempre. Una città per tutti, da gustare con calma per apprezzarne appieno storia, tradizione ed arte, ma anche gastronomia, natura, prodotti tipici, sport estremi, tanta musica e divertimento.  A Salerno sono tante le cose da vedere. Dal centro storico con i suoi maestosi complessi conventuali ed i palazzi nobiliari, i caratteristici vicoli stretti, le chiesette nascoste, fino agli edifici della città moderna con i nuovi parchi e giardini. Da visitare il Duomo, il Castello di Arechi, la chiesa di San Pietro a Corte ed il Palazzo D’Avossa. Infine non può mancare una sosta allo storico Giardini della Minerva (il primo orto botanico d’Europa per la coltivazione di piante terapeutiche) ed annesso Palazzo Capasso. Passeggiando per la città si viene attratti da profumi intensi, quasi “saporiti”, che stimolano l’appetito e che rendono “semplicemente” obbligatoria una sosta in uno dei tanti ristoranti, trattorie e pizzerie, fra cui l’Antica pizzeria Vicolo della Neve (
www.vicolodellaneve.it), una delle più antiche del mondo, dove si degustano i piatti della tradizione salernitana fra cui,  ad esempio, la pasta e fagioli allardata, la ciambotta, il baccalà con patate e le melanzane spaccate. Nelle diverse sale, sono stati ospiti personalità del calibro di Enrico Caruso, Giovanni Amendola e molti altri fino ai giorni nostri. Alcune pareti sono adornate da pitture del famoso maestro salernitano Clemente Tafuri. In altre sale sono presenti dipinti degli altrettanto famosi maestri Alfonso e Tullio Grassi.

Cilento: dove la tradizione si fa storia
Prima di lasciare questa terra è consigliabile una puntatina sulla costa amalfitana. Meritano una visita Vietri sul Mare, celebre per le sue ceramiche, Cetara, dove si può gustare la rara colatura di alici eccezionale condimento per la pasta, Ravello, la città della musica, e la splendida Amalfi. Anche il Cilento  (da Palinuro a Sapri, da Paestum a Castellabate) è un territorio straordinario che si presenta ad un viaggiatore attento come un ambiente in cui il confine fra mito, storia e paesaggio si stempera e si confonde. Se si arriva dal mare le spiagge e le scogliere, le falesie e le grotte si confondono con il verde degli ulivi e della macchia. Se invece si arriva in treno o in auto si possono gustare piccoli borghi incuneati nelle strette valli fluviali o costeggianti le spiagge di Paestum. Non solo. Gli scavi di Velia, l’antica città focese fondata all’incirca nel 540 a.C., sono poi qualcosa di imperdibile….assolutamente da visitare.
” (fonte: dituttounpo.tv articolo a cura di NatoConLaValigia)

Fabrizio_Raffa_Salerno.jpgPrevisioni Meteo Salerno (lunedì 01 Novembre – martedì 02 Novembre) a cura di Fabrizio Raffa:
“I nubifragi che nei giorni scorsi si sono abbattuti sulle regioni del nord-ovest e che, purtroppo hanno causato anche due vittime nel carrarese, sono giunti sulle nostre zone tutt’altro che placati. Infatti sono attesi intensi temporali specialmente su tutta la fascia costiera. Già dalla giornata di Mercoledì la situazione migliorerà notevolmente. Le temperature subiranno una leggera flessione.”

Salerno Smiling People
Foto: dituttounpo.tv (prt_scrn). Il testo dell’articolo e relativa foto sono di proprietà di dituttounpo.tv e sono raggiungili al seguente link: dituttounpo.tv

concordo fotografico,fotografia,salerno foto,concorso foto salerno,luci d'artista concorso,circolo fotografico colori mediterranei,salerno turismo,iniziative natale 2011,concorso nazionale di fotografia città di salerno,fotografare salerno,salerno luci d'artista

Hai un iPhone o in iPad? Da oggi puoi leggere tutte le News, le curiosità e i post del Blog di Salerno grazie all’App GRATUITA dedicata e scaricabile semplicemente cliccando qui, oppure direttamente sul Logo dell’App.

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.