Angelo Nairod, un talento tutto Salernitano

Angelo_Nairod_01.jpgSpesso parliamo di talenti nostrani, di cervelli e di menti che il nostro territorio è capace di far crescere e formare e spesso restiamo impressionati per le qualità espresse da questi ultimi, proprio come il talento puro e cristallino di cui ci occuperemo oggi. Un ragazzo di appena 22 anni, un vero artista della fotografia che, nonostante la giovanissima età, conta già numerose collaborazioni artistiche, presenze in mostre collettive e che sta catturando giorno dopo giorno l’attenzione degli addetti ai lavori, di appassionati di foto e delle principali riviste che siAngelo_Nairod_02.jpg occupano di arte e fotografia. Si chiama Angelo Nairod, giovane di Salerno ed oggi ho il piacere di farvelo conoscere grazie a questa bella chiacchierata che ho avuto con lui e che ovviamente vi riporto.

VirgilioSalerno: Chi è Angelo Nairod?
Angelo Nairod:
Mi chiamo Angelo Nairod, ho 22 anni e studio Biotecnologie e Ritratto Fotografico.
Mi piace molto (oltre la fotografia) la musica pop, la moda, i film di Fellini, gli anime di Hayao Miyazaki e la cucina cinese.
Ho collaborato con lo scrittore finalista al premio Strega Nicola Lecca per il suo romanzo ‘Il Corpo Odiato’ – edito da Angelo_Nairod_03.jpgMondadori – con una serie di scatti che affrontano il tema dell’Anoressia Nervosa. Ho preso parte a svariate collettive – Love art, Massenzio Arte e Riciclarti 2010 dove ho partecipato con una serie di ritratti che affrontano il problema dello smaltimento dei rifiuti in Campania. Sono state allestite due personali – una a Trieste nel bar-libreria KNULP e l’altra a Milano presso il Mono Bar – a cura dell’associazione culturale Daydreaming, sul cui magazine – DDMAGAZINE – sono stato pubblicato nel numero di Marzo 2010.
Ha collaborato con varie riviste specializzate e non: nel mese di maggio 2010 la rivista FotoCult mi ha dedicato un articolo di quattro pagine scritto da Elena Ovecina. Altri articoli sono presenti su La Voce dei Comuni, Il Piccolo di Trieste e L’unione Sarda.
VirgilioSalerno: Ci racconteresti come nascono i tuoi scatti?
Angelo Nairod:
I miei scatti nascono dal mio mondo interiore. Un’idea, una pubblicità, una canzone, un videoclip musicale, una notizia di cronaca, gossip, qualsiasi cosa catturi la mia attenzione, viene filtrata dal mio “Universo”, dal mio modo di vedere le cose – e trasformata in foto. Una volta avuta l’ “ispirazione”, penso a come voglio realizzare la foto: scelgo i soggetti e gli oggetti (vestiti, accessori, make-up). CercoAngelo_Nairod_04.jpg di pensare tutto nei minimi dettagli. È chiaro, però, che una volta preparato tutto, fosse anche nel più accurato dei modi, l’attimo di cattura è sempre affidato al caso, alle condizioni che si vengono a formare: interazione con il modello, capacità comunicativa di tutte le persone che lavorano con me, stato d’animo etc. L’attimo della cattura resta sempre un processo quasi alchemico, magico e oscuro.
VirgilioSalerno: I tuoi scatti raccontano …?
Angelo Nairod:
Non c’è un tema preciso, come detto. Do grande importanza all’attualità e ai conflitti generazionali. Alla Logica dei Contrasti.
I contrasti formano e caratterizzano il mondo. Le mie foto affrontano i più “famosi” contrasti di sempre: Amore/Morte, Bello/Brutto, Uomo/Donna, e quelli più tormentati della nostra generazione epocale: Omosessualità/Fede, Purezza/Sessocrazia, Nevrosi/Razionalità, GlobalizzazioneIndividualità.
Il mio animo è pop. Sono cresciuto negli anni 90, periodo in cui la musica dava l’avvio alle prima boy e girl band di massa: L’unico linguaggio che conosco e che vorrei usare è il pop: le mie foto sono caratterizzate da colori fluo, Angelo_Nairod.jpgappariscenti, accessori sgarcianti e patinati. Ogni mia foto nascere per essere prima di tutto un “party”, una festa evocativa in cui divertirsi e magari a fine serata, perchè no, riflettere!
VirgilioSalerno: Che rapporto hai con Salerno e soprattutto, quanto penalizza o eventualmente aiuta secondo te vivere qui a Salerno per un giovane talentuoso come te?
Angelo Nairod:
Salerno è una città che amo tantissimo. Sicuramente offre molto poco da un punto di vistaAngelo_Nairod_05.jpg artistico, si potrebbe fare e si dovrebbe fra tanto per cercare di renderla una città importante dal punto di vista delle arti.
VirgilioSalerno: Dovessi fotografare Salerno domani, quale Set sceglieresti e quali elementi introdurresti per raccontarla?
Angelo Nairod:
Io amo molto la periferia di una città, quello che si tende a nascondere. Sono dell’idea che il centro di una città sia un po’ come il salone di una casa: sembra tutto bello, o quasi. Ma per vedere le cose come stanno bisogna vedere la cucina, i bagni, il ripostiglio: la periferia, appunto. Salerno offre molti posti fantastici, decadenti, pieni di storie antiche e misteriose, in periferia – e questi posti si sono rivelati ambientazioni davvero straordinarie.

Per poter visionare gli altri lavori di Angelo è possibile collegarsi al suo Flickr ufficiale cliccando qui. L’appuntamento è per lunedì 10 Gennaio con il nuovo post, non prima di aver fatto tutti gli in bocca al lupo del caso ad Angelo e non prima di ricordarvi le previsioni meteo a cura del nostro Fabrizio.

Salerno Smiling People
Foto: Angelo Nairod Le foto sono di proprietà di Angelo Nairod (Tutti i diritti riservati)

concordo fotografico,fotografia,salerno foto,concorso foto salerno,luci d'artista concorso,circolo fotografico colori mediterranei,salerno turismo,iniziative natale 2011,concorso nazionale di fotografia città di salerno,fotografare salerno,salerno luci d'artista

Hai un iPhone o in iPad? Da oggi puoi leggere tutte le News, le curiosità e i post del Blog di Salerno grazie all’App GRATUITA dedicata e scaricabile semplicemente cliccando qui, oppure direttamente sul Logo dell’App.

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.