“Personaggi della Scuola Medica Salernitana”. Sabato 27 il Trekking Urbano.

trekking urbano,2012,salerno,sabato 27 ottobre,scuola medica salernitana,prima università di medicina,salernus,pontus,adela,helinus,garioponto,primo medico della storia,palazzo arcivescovile,alfano i,abbazia di san benedetto salerno,hortus magnus,viridari,plaium montis,matteo silvaticoPersonaggi della Scuola Medica Salernitana – Sorse a Salerno, nell’Alto Medioevo la prima Università ditrekking urbano,2012,salerno,sabato 27 ottobre,scuola medica salernitana,prima università di medicina,salernus,pontus,adela,helinus,garioponto,primo medico della storia,palazzo arcivescovile,alfano i,abbazia di san benedetto salerno,hortus magnus,viridari,plaium montis,matteo silvatico Medicina di cui si abbia memoria. La tradizione vuole che i fondatori della ‘Scuola Medica Salernitana’ siano stati un latino (Salernus), un greco (Pontus), un arabo (Adela) ed un ebreo (Helinus). Una leggenda, forse, ma che rispecchia la grande apertura che la Scuola, sorta in ambiente culturale latino, ha avuto verso le conoscenze provenienti da trekking urbano,2012,salerno,sabato 27 ottobre,scuola medica salernitana,prima università di medicina,salernus,pontus,adela,helinus,garioponto,primo medico della storia,palazzo arcivescovile,alfano i,abbazia di san benedetto salerno,hortus magnus,viridari,plaium montis,matteo silvaticoaltri popoli. L’istituzione, documentata già nelle cronache del X secolo, raggiunge l’apice della fama nell’ XI secolo. Il primo medico di cui si conosca uno scritto è Garioponto. Una novità assoluta per l’epoca è che, nella Scuola salernitana, le donne potevano studiare e praticare latrekking urbano,2012,salerno,sabato 27 ottobre,scuola medica salernitana,prima università di medicina,salernus,pontus,adela,helinus,garioponto,primo medico della storia,palazzo arcivescovile,alfano i,abbazia di san benedetto salerno,hortus magnus,viridari,plaium montis,matteo silvatico professione medica.
L’itinerario ripercorrerà i luoghi legati a questi personaggi. Partendo dal Comune raggiungeremo il palazzo Arcivescovile dove l’arcivescovo Alfano I fu uno degli eminenti esponenti della Scuola, visiteremo l’abbazia di San Benedetto, dotata di un’importante spezieria e dove Alfano fu abate. Ripercorrendo le stradine dell’Hortus Magnus, zona dedicata alle coltivazioni e dove probabilmente i medici avevano i loro “viridari”, raggiungeremo il Plaium Montis, luogo in cui Matteo Silvatico creò il suo Giardino, oggi noto come della Minerva, per terminare nel quadriportico di Santa Maria della Grazie, un tempo parte dell’omonimo convento.

trekking urbano,2012,salerno,sabato 27 ottobre,scuola medica salernitana,prima università di medicina,salernus,pontus,adela,helinus,garioponto,primo medico della storia,palazzo arcivescovile,alfano i,abbazia di san benedetto salerno,hortus magnus,viridari,plaium montis,matteo silvatico

Tempo di percorrenza: 2 ore e mezzo – Lunghezza: circa 4 chilometri – Difficoltà: facile (dislivello 130 metri) Punto di partenza: Palazzo di Città – Orario di partenza delle visite guidate: ore 19.30. Per informazioni: Comune di Salerno Info Point Turismo Tel. 089 662951/5 touristinformation@comune.salerno.it ‘ (trekkingurbano.info)

qr, code, codice qrSalerno Smiling People
Foto: trekkingurbano.info
Video: TrekkingUrbano on YT

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.

Il “Regina Margherita” e la sua storia. (di Maria Serritiello)

regina margherita,istituto magistrale salerno,piazza malta,scuole femminili,ministro della pubblica istruzione,professore vincenzo capone,rebecca guarna,scuola medica salernitana,trattatp de febris,trattato de urinis et embrione,via tasso,ruggi d’aragone,architetto ferdinando sanfelice,giardino d’infanzia francesco lucrezi,professore bruno lucrezi,mulini scaramella,palazzo pizzuti di via mercanti,liceo statale ad indirizzo linguistico,tecnologico e pedagogico,prof.ssa virginia loddoDa qualche tempo, sotto la grossa scritta dell’enorme androne dell’Istituto Magistrale, scalpellata nelle venature del marmo e sbiadita nel colore, c’è, in un angolo, una targhetta, simile a quelle che si attaccano ai portoni per indicare le attività professionali, su cui si legge la nuova tipologia dell’Istituto, uno dei più antichi della nostra provincia. La solida costruzione, rigorosa e a tre piani, si apre alla strada con un seguito di finestre, dalle quali intere generazioni, prevalentemente studentesse hanno sporto il capo in attesa del suono della campanella. Il palazzo, una scatola a forma di cubo, è posto al centro della città, nella spaziosa Piazza Malta ma è solo dal 1945, con l’inaugurazione del “47”, che conserva questa sede. La storia del “Regina Margherita”, che è, inevitabilmente, anche la storia del percorso compiuto dal nostro paese, contro l’analfabetismo e a favore dell’emancipazione culturale delle donne, prende l’inizio dal lontano 1861, quando furono istituite scuole magistrali femminili a Salerno, Campagna, Sala Consilina e Valle della Lucania. A funzionare, però, secondo la relazione di un ispettore del tempo, furono solo le scuole di Salerno e Vallo, per cui nel 1866 il consiglio provinciale scolastico chiese al Ministro della Pubblica Istruzione, l’istituzione di una scuola normale per cinquanta alunne nel capoluogo della provincia e nell’attesa del benestare, lo stesso consiglio approvò, l’anno dopo, la proposta. La scuola prese il via sotto la direzione del Prof-Av Vincenzo Capone, col nome di “Rebecca Guarna”, celebre dottore della scuola medica salernitana, vissuta nel XVI secolo, famosa per i trattati “De Febris” e “De Urinis et Embrione”. La prima sede, con 45 alunne, fu sistemata in via Tasso, nel palazzo nobiliare dei marchesi Ruggi d’Aragone, progettato dall’architetto napoletano Ferdinando Sanfelice e là rimase fino al 1919, per cedere il posto all’istituto tecnico. Nel 1869, poi, fu istituito, annesso alla scuola e a spese della provincia, un convitto femminile, per il continuo aumentare delle allieve e conseguente pendolarismo da tutta la provincia, ma non fu l’unica novità. Due anni dopo, infatti, fu creato il primo giardino d’infanzia, col nome “Francesco Lucrezi”, in ricordo del figlio scomparso, a solo sei anni, dell’illustre Professore Bruno Lucrezi, un utile laboratorio didattico dove le future insegnanti avrebbero sperimentato le metodologie educative apprese negli studi. Si dovrà attendere il 1873 perché l’istituto, caratterizzato dalla esclusiva presenza femminile, abbia una sezione maschile e solamente il 1917 per una scuola mista, fortemente osteggiata. La continua crescita degli allievi (giunta nel 1939 alla cifra di 1600 unità) impose il trasferimento, prima, nei locali della vecchia sede dei mulini Scaramella, poi nel palazzo “Pizzuti” di via Mercanti e successivamente si rese necessario anche l’utilizzo di diverse succursali, tra cui quella locata nel palazzo Tortorella, in via De Martino (per anni sede della scuola media De Filippis). E’ di questo periodo anche il cambio in “Regina Margherita” la denominazione dell’intestazione che tuttora conserva. Tanti sono gli anni trascorsi da quel lontanissimo atto di nascita dell’istituto ma tutti sono stati impiegati a trasformare in energia positiva, sopratutto, quel femminile intelletto, altrimenti voluto acquiescente ed inespresso da un sociale che non distribuiva a tutti uguali opportunità, fin quasi ai nostri giorni. E così siamo agli inizi degli anni ’60, le conquiste sociali dovranno ancora venire, le studentesse si mostrano infagottate e per niente eleganti nei severi grembiuli neri, indossati su calzettoni alti fin sotto il ginocchio e scarpe prive di tacco. Quanta poca fatica avranno impiegato, con sì fatte allieve, i professori: Marino Serini, dantista d’eccezione, Antonio Mazzone, la favola divertente del latino, Rosa Santarsiero, la filosofia sgranata come un rosario, Clementina Verasani, un soprano prestato alla matematica e tanti altri di cui sfugge il nome. Ed è stata, proprio, l’inarrestabile nostalgia di quegli anni a spingere le ex allieve di questo istituto, “IV H”, anno “1963”, dopo 43 anni, in una calda serata di ottobre, di qualche anno fa ad incontrarsi (tra cui chi scrive), per guardare in faccia il trascorrere del tempo e a ritroso il percorso professionale, per altro tutto speso nella scuola, compiuto da ognuna. Il “Regina Margherita”, come una paffuta matrioska, dove, un tempo, girandovi semplicemente intorno si ultimavano, dall’Asilo all’Università, tutti i gradi dell’istruzione, ora si nomina Liceo Statale ad Indirizzo Linguistico, Tecnologico e Pedagogico, in ossequio ai tempi moderni. Il vecchio istituto ha cambiato il corso degli studi, la durata degli anni e a dirigerlo sono stati in tanti, tra cui il professore Michele Di Filippo, preside di formazione pedagogica oltre che manageriale. Con lui la Scuola nel 2008 ha celebrato i 60 anni di essere locata in Piazza Malta, con un articolato progetto, sfociato in una settimana di Seminari, Laboratori, Spettacoli, Personale del pittore Paolo Signorino, un ex discepolo della scuola, Mostra degli storici oggetti dell’istituto, curata dall’ex allieva Prof.ssa Maria Serritiello e una Retrospettiva, un excursus su quanto abbia inciso, il Regina Margherita, sulla formazione giovanile di intere masse salernitane. Instancabile il vecchio istituto sprona e stimola, oggi come ieri, gli allievi al lavoro e a livelli sempre più alti di specializzazione. “Sei mia scuola preziosa palestra/ove l’alma si educa e rischiara/d’ogni bene tu sei la maestra/…”, così il buon Prof .re Sasso, autore della musica, faceva salmodiare tutti, ma proprio tutti gli allevi, questo canto roboante a metà tra la marcetta e lo spot di propaganda, per esaltare il prodotto-scuola. “Salve mia scuola/” continuava il ritornello “la tua parola/ dà forza e vita/e al bene invita/qualunque male/ fugar sai tu/sei il presidio/sei il presidio/d’ogni virtù” . Oh mio Dio, la scuola “Presidio”, eppure! Così tanti gli allievi, usciti dall’annoso Istituto, che sono ben riusciti e dunque maestri di eccezionale sensibilità pedagogica, dirigenti scolastici, ispettori, professori universitari, assessori, vice sindaco, artisti, poeti e pittori di larga fama, funzionari, collaboratori a vari livelli, impiegati laboriosi e in aggiunta, all’interno della famiglia, bravi educatori dei propri figli. Un patrimonio culturale sparso per la città che ha camminato di pari passi con la crescita di Salerno, fino a ieri una città di provincia, ma che oggi aspira ad altro. Attualmente l’istituto, è diretto dalla Prof.ssa Virginia Loddo, la cui dirigenza è segno di distinzione in più in una scuola tradizionalmente di formazione. Sui muri esterni, della vecchia scuola magistrale, ritinti ogni volta, vergati si leggono i desideri, i sentimenti e le emozioni di una gioventù in formazione, graffiti colorati in nero, in rosso e qualche volta in azzurro, così estremi, così esaltati, così naturalmente giovanili ma non diversi né discordanti da quelli delle passate generazioni, che segno dei tempi, li portava incisi, solamente, nel chiuso del proprio cuore.
 
Dedicato ai miei Professori: Marino Serini, Antonio Mazzone, Rosa Santarsiero, sapienti e maestri di vita e ai miei compagni di classe, IV H -1963.
Maria Serritiello

regina margherita,istituto magistrale salerno,piazza malta,scuole femminili,ministro della pubblica istruzione,professore vincenzo capone,rebecca guarna,scuola medica salernitana,trattatp de febris,trattato de urinis et embrione,via tasso,ruggi d’aragone,architetto ferdinando sanfelice,giardino d’infanzia francesco lucrezi,professore bruno lucrezi,mulini scaramella,palazzo pizzuti di via mercanti,liceo statale ad indirizzo linguistico,tecnologico e pedagogico,prof.ssa virginia loddoSalerno Smiling People
Foto: maps.google.it

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.

Il weekend medioevale salernitano: il programma

Fiera del crocifisso 2011.jpgUn weekend fra atmosfere medioevali, antichi mestieri, artisti di strada e tanto altro ancora: Vietato mancare.
Oltre 30 i siti del centro storico interessati, 200 artisti di strada, due colossali allestimenti storici in abiti d’epoca e con la riproposizione di antichi mestieri, 100 stand, artigianato, degustazioni, prodotti tipici. Poi migliaia di piante, aiuole e fiori, con il ritorno della “mascotte arborea” della Fiera, il fiore della Calendula: la piantina simbolo della gloriosa e millenaria Scuola Medica Salernitana, sarà disponibile in centinaia di esemplari e farà bella mostra di sé ovunque. A contribuire a ricreare il clima medievale ci saranno menestrelli, saltimbanchi, giocolieri,Fiera del crocifisso 2011_01.jpg trampolieri, mangiafuoco, giullari, cantastorie, artisti di strada, statue viventi.
Di seguito il programma dettagliato dell’evento:
Da venerdi 29 aprile e fino la 1 maggio nel centro storico di Salerno riparte la Fiera del Crocifisso Ritrovato con il nuovo slogan “Salerno: nel segno del Medioevo”. Quest’anno la manifestazione, che farà rivivere le atmosfere, le botteghe, gli spettacoli, le giostre e la vita quotidiana dell’anno mille, proporrà un vero e proprio tuffo nel passato con ben 6 mercati medievali.
Tra le novità l’allestimento di spazi a tema anche in Largo S. Maria dei Barbuti e via Dei Canali, oltre a Largo Abate Conforti, Largo S. Patrillo, Largo Campo e largo Tempio di Pomona, per complessivi sei grandi allestimenti mercatali che, tra vicoli, piazze ed edifici della storia di Salerno, riproporranno i commerci che resero famosa la città con la sua fiera.
Fiera del crocifisso 2011_02.jpgLa Fiera del Crocifisso ritrovato, che giunge quest’anno alla sua nona edizione, è organizzata dalla Bottega S. Lazzaro con il Comune di Salerno. La direzione artistica è di Andrea Carraro, quella organizzativa di Giuseppe Natella. L’evento è realizzato in collaborazione con: Camera di Commercio, Ept, Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, Confesercenti, Coldiretti, Casartigiani, Claai, Confartigianato e Cna.
Nel dettaglio:
A Largo S.Petrillo, la piazzetta che si apre all’improvviso su via Mercanti, ci sarà la ricostruzione e la rievocazione di un mercato medievale di arti e mestieri, a cura di Monna Cinzia da Fabriano. In Largo Cassavecchia animazione ed intrattenimento per i piccoli con: “Mastro Balbalbero”, “Giullar Gioioso”, trampolieri, mangiafuoco, giullari e ballerine, nonché la Ruota dei Tarocchi.
In Piazza Tempio di Pomona altri banchi del tempo: mercato delle erbe e delle sementi, granaglie e frutti vari, carretti con tinture eFiera del crocifisso 2011_03.jpg pigmenti, banchi dello speziale, alchimista, erborista cerusico, pastaio e mugnaio con animazioni a cura dell’associazione “Agresto Monteriggioni”- e spazi curati dalla Coldiretti di Salerno.
In piazza Alfano I, sarà possibile fruire di momenti di animazione didattica per imparare le arti e i mestieri di un tempo, con l’associazione “Sestriere Castellare”- Pescia. In piazza Abate Conforti sarà l’associazione “Sipario Medievale”- di Verona a proporre: Corporazione del tessile e della seta con banchi didattici, l’Alchimista, Mirco dei Serpenti ed il Fachiro.
In Largo Barbuti il mercato medievale punterà sui i prodotti alimentari che si potevano degustare nelle taverne e nelle osterie. Poi mercato delle stoffe e mestieri di stracci, ciabattino, scrivano amanuense, Armiere, mago e veggente.

Fiera del crocifisso 2011_04.jpgIn via Canali spazio alle associazioni culturali e di turismo urbano:”Prometeo”, “Salerno Cultura”, “Via Gelso”, “Trekking Campania”, “Art à Part”, “Colori Mediterranei”, “Erchemperto”, “Legambiente Salerno Orizzonti”. Tra le maggiori attrazioni, proprio nei pressi dell’Ave Gratia Plena di via Canali ci sarà poi la ricostruzione di una postazione di soldati mercenari del XIII Secolo, a cura dell’associazione culturale “Tempora Medievalis”.Sarà allestito un accampamento militare d’epoca, dove saranno esposte armi ed armature ed osservare come i cavalieri medievali vivevano e trascorrevano la giornata (Living History) e come si allenavano nell’uso delle armi. Dal vivo: una tenda medievale, rastrelliera per le armi, padiglione per il riposo degli armati e campo di tiro con la balestra: osbergaio,arcaio, opifex Reliquiarum, ingegnere militare con macchina d’assedio, tavolacciaio, mosaicista, postazioni di tiro con l’arco e la balestra. Due cavalieri daranno vita ad un duello cortese per dimostrare al proprio signore feudatario la loro abilita’ nel combattimento. Altri cavalieri daranno vita ad un duello in onore dell’imperatore Federico II di Svevia e la sua corte.
In Largo Campo ci saranno banchi del ferro e del rame con degustazioni medievali.
A SPASSO PER IL CENTRO STORICO CON L’APE CALESSINO.
Dopo il boom di richieste della precedente edizione, ritorna anche quest’anno il singolare servizio navette nel centro storico di Salerno, con l’ape calessino. Per coloro che non volessero affaticarsi troppo, sono previste corse in Ape calessino, l’elegante e caratteristico veicolo a tre ruote molto in voga nell’isola mediterranea, che consente appunto di inerpicarsi agevolmente nei vicoli più stretti e impervi. Partenze ogni venti minuti da piazza Alfano I (dinanzi al Duomo) e percorso fino ai Giardini della Minerva e ritorno.
‘ (fonte: comunedisalerno)

Salerno Smiling People
Foto: fieradelcrocifissosalerno.it
Video: trefelci on YT

Diventa anche tu Fan del Blog di Salerno su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Salerno e provincia.